Consiglio comunale del 17-2-14: Discarica Macogna

Nel consiglio comunale aperto del 5-12-13, l’attuale maggioranza

  • ricostruisce in maniera fuorviante e poco rispettosa anche degli altri comuni coinvolti le vicende che hanno interessato il sito in oggetto, fino a portare all’autorizzazione del progetto di discarica da parte della ditta D.R.R.
  • rilascia gravi dichiarazioni che dovrebbero giustificare l’assenso al progetto rilasciato nella conferenza dei servizi dell’aprile 2013
  • NON dichiara esplicitamente la propria contrarietà al progetto di discarica

Considetato quanto sopra, la nostra lista protocolla la richiesta di acquisire la registrazione del consiglio stesso, vista la mancata volontà di procedere alla sbobinatura. L’acquisizione ci viene negata e motivata con corretti riferimenti normativi, che tuttavia ci appaiono poco attinenti alla situazione specifica. Non ci sono motivi per cui la registrazione debba essere secretata, per cui non si capisce il motivo del diniego all’acquisizione.

Nella conferenza dei capigruppo del 16-12-14 l’amministrazione non intende procedere alla stesura della delibera congiunta con cui si dichiara la netta contrarietà alla realizzazione della discarica.

A questo punto la lista civica °Obiettivo comune°, ravvisando la necessità di mettere il consiglio comunale di fronte ad una presa di posizione chiara, stende la prima bozza della mozione d’ordine successivamente integrata e presentata congiuntamente all’altro gruppo di minoranza “la Tua Civica”, che alleghiamo.

Mozione 17-2-14i

Quanto successo in consiglio comunale (la presentazione di una ulteriore mozione da parte della maggioranza, la sospensione del consiglio per raggiungere un punto d’incontro sull’argomento) ci lascia ancora maggiori perplessità sulla buona fede delle scelte di questa amministrazione. Ha in ogni caso portato all’assunzione di responsabilità ed impegni che non mancheremo di ricordare:

contrarietà alla discarica Macogna, tutela della salute e dell’ambiente, rinnovato impegno alla prosecuzione del progetto di parco locale d’ interesse sovracomunale.

Le minoranze sono pronte a dare il loro contributo.

Consiglio comunale del 17-2-14: Chiusura contenzioso Enel Sole

Di seguito la proposta sostenuta in consiglio comunale relativamente a quanto in oggetto. Appare oggi evidente la strumentalizzazione operata dall’attuale giunta nei mesi successivi all’insediamento, dal momento che anch’essa non provvede al pagamento in ragione dell’assenza di una convenzione, ora stipulata in una forma svantaggiosa rispetto ai diritti della nostra comunità.

Con riferimento al punto n°3 dell’ordine del giorno (approvazione convenzione per la chiusura del contenzioso con Enel Sole) ,

presa visione dei documenti presentati da Enel Sole, delle indicazioni proposte dal tecnico esterno incaricato, della controproposta prodotta dall’amministrazione comunale
il nostro gruppo consiliare esprime le seguenti considerazioni:
Premesso:
            •          che la convenzione in essere nell’anno 2008 è nulla;
            •          che l’amministrazione comunale chiude il contratto e ne dà comunicazione ad ENEL Sole chiedendo la ricontrattazione del canone;
            •          che esiste una legge che prevede la possibilità di affidare la manutenzione degli impianti al proprietario degli stessi, fermo restando che il costo non può essere superiore al valore medio regionale (allora quantificato nella cifra di 17,29 euro);
            •          che non era in essere alcun contratto legittimo e quindi Enel Sole non poteva emettere fatture, così come, ovviamente, non poteva richiedere il pagamento di oneri superiori al valore indicato in precedenza;
            •          l’amministrazione comunale, sia quella precedente che quella attuale, non hanno pagato le fatture, in ragione dell’assenza di una convenzione, per non correre il rischio di commettere altrimenti un illecito amministrativo;
            •          che Enel sole ha avuto diversi contatti con la precedente amministrazione, ma non ha accettato la somma quantificata nel valore precedentemente indicato;
            •          che Enel Sole, per legge, ha l’obbligo di continuare a garantire il servizio pubblico, che non può essere interrotto;
Considerato che:
            •          se l’amministrazione comunale accettasse di pagare le fatture di Enel Sole nella loro entità economica, legittimerebbe la loro emissione, cosa giuridicamente non accettabile;
            •          in altri Comuni, Enel sole ha già sottoscritto accordi con un valore economico inferiore a quello scritto nella convenzione proposta a questa amministrazione comunale;
            •          lo studio tecnico incaricato dall’amministrazione non ha tra le sue competenze  la materia in discussione (infatti dichiara sul proprio sito internet che i servizi offerti sono: Sanità, Veterinaria, Emergenza, Beni artistici e architettonici, Industria…);
            •          la valutazione, consigliata dallo studio tecnico esterno incaricato, coincide curiosamente con la valutazione proposta de Enel Sole;
            •          non è condivisibile la giustificazione secondo la quale il valore di manutenzione Consip si aggira sui 30,00 € medi l’anno, in quanto le attività indicate da contratto Consip sono 47 contro le 5 presenti nella convenzione standard;
            •          nella convenzione proposta, non viene dichiarato che gli impianti sono a norma secondo la legge vigente in materia di sicurezza, con ciò determinando un danno erariale e la responsabilità diretta dell’amministrazione comunale in caso di eventuali infortuni (l’ufficio tecnico comunale, in questi casi, viene chiamato in causa direttamente a fronte di incidenti o infortuni).
Si chiede che:
    •      il punto n. 3 dell’ordine del giorno in discussione venga rinviato ad un approfondimento da parte della commissione competente, al fine di produrre una valutazione più adeguata.
Si precisa inoltre che qualora la maggioranza intendesse comunque procedere in questa sede all’approvazione della convenzione, il nostro gruppo sottoporrà alla Corte dei Conti la deliberazione votata dalla maggioranza, per una valutazione di merito.
Allo scopo di agevolare l’approfondimento dei temi accennati in premessa, si allega alla presente la documentazione attinente a quanto dichiarato, corredata dai riferimenti normativi e legislativi del caso, o relativi a casi simili a quello affrontato in questa sede, completi di sentenze giuridiche emesse dagli enti di competenza.
Si richiede l’acquisizione del presente documento e degli allegati al verbale della presente seduta.”

documentazione presentata in CONSIGLIO COMUNALE il 17 FEBBRAIO