Ricordiamoci la nostra umanità

kuyukov

Segnaliamo le importati iniziative promosse dall’associazione Mayors for Peace a sostegno della totale eliminazione delle armi nucleari, la cui giornata internazionale cade il 26 settembre. Ecco il link verso il sito dei “Beati costruttori di Pace” che, in occasione del 70° anniversario dei bombardamenti su Hiroshima e Nagasaki, hanno pubblicato un libretto scritto da Lisa Clark,  per stimolare la partecipazione alle iniziative in atto e per creare coscienza della necessità di partecipazione attiva di tutta la società, nonostante tutti gli insuccessi, i ritardi e le sordità della politica per le scelte di pace.

Discarica Macogna Posta sotto sequestro

sequestromacognaLa procura della repubblica, in data 10.9.2015 ha disposto il sequestro penale per l’area di discarica in località Macogna che ancora una volta balza ai “DIS-onori” della cronaca.

Il provvedimento è molto probabilmente legato alla conferma da parte dell’arpa circa la presenza di valori fuori norma per diverse sostanze tossiche (molibdeno, bario e tds) evidenziati nelle precedenti indagini volute dal comitato No-Macogna.

Tutto questo rappresenta davvero un grande successo, motivo d’orgoglio per questo gruppo di persone che caparbiamente ha tenuto testa ad un movimento d’interesse certamente più grande di loro, a decisioni e prese di posizione spesso assurde da parte delle istituzioni che pesano sulla collettività e sulle future generazioni.

Onore ai cittadini che si sono messi in gioco, e che di certo non molleranno la presa!

Materna statale di Coccaglio… una storia da raccontare

Amplifichiamo l’articolo pubblicato nei giorni scorsi sul portale del quotidiano Bresiasìoggi. Ci sembrano informazioni su cui riflettere e condividere..

Materna privata in flessione É «boom» per l’asilo pubblico

I bambini della scuola statale sono aumentati di oltre un quarto Il sindaco: «La sezione nuova? Beneficio per Comune e famiglie»

asilo-coccaglio

 

La scuola materna di Coccaglio

Crescono gli alunni della scuola materna statale di Coccaglio e cala il numero di bambini che frequentano la scuola dell’infanzia paritaria della Fondazione «Urbani e Nespoli». Pure questo è l’effetto della crisi che sta colpendo duro le famiglie coccagliesi a basso o medio reddito. Che cercano di risparmiare ovunque possibile, anche sulle rette scolastiche. A PARTIRE dall’anno scolastico 2015-2016 la materna della «Urbani e Nespoli», a causa del calo di iscrizioni scese dalle 169 dell’ultimo anno scolastico fino a 150, ridurrà le proprie sezioni da 7 a 6. Per contro la materna statale ha incrementato i propri iscritti da 77 a 100 e le proprie sezioni da 3 a 4. Il fatto non è casuale, ma frutto di una tendenza ormai consolidata. «Al mio primo insediamento da sindaco nel 2009 a Coccaglio esistevano solo 10 sezioni della paritaria “Urbani e Nespoli” e nessuna sezione della materna statale» rivela infatti il primo cittadino Franco Claretti. «Oggi invece il rapporto è di 6 a 4. Questo, oltre a un forte beneficio economico per molte famiglie, si tradurrà anche in uno sgravio di costi per il nostro Comune, che da sempre eroga cospicui contributi a sostegno della scuola paritaria». Con la riduzione da 7 a 6 sezioni, il contributo comunale alla “Urbani e Nespoli” «scenderà infatti da 170mila a 140mila euro – prosegue Claretti -. Considerate le 4 sezioni della paritaria sostituite in questi anni da altrettante sezioni di statale, il risparmio per le casse comunali è ancora più forte, nell’ordine dei 100mila euro annui». Quattrini preziosi in tempi di austerity, di taglio radicale dei trasferimenti dello Stato agli enti locali e di patti di stabilità sempre più rigidi. Il Comune di Coccaglio ha messo a disposizione gli spazi nei quali all’ormai imminente riavvio delle lezioni avrà sede la quarta sezione di materna statale. Come le altre tre sezioni di materna e le scuole elementari statali, questa quarta sezione avrà sede nel complesso comunale di via Buscarino. Il «balletto» delle sezioni, tra l’altro, è stato possibile grazie al trasloco di un’altra celebre istituzione. Gli spazi sono quelli che erano utilizzati come sede dalla banda civica di Coccaglio che di conseguenza, per liberarli, si è trasferita in via Cossandi; proprio nell’aula lasciata libera dalla sezione di materna persa dalla paritaria «Urbani e Nespoli».

Paolo Tedeschi